Oggi papà mi è venuto a trovare.

Ormai da circa due mesi passo molto del mio tempo a sviluppare un enorme ed inedito archivio fotografico biellese databile agli anni 30 e 40.
Oggi, all’interno di un rullino relativo ad una gita sul lago maggiore organizzata dall’Opera Nazionale Dopolavoro di Biella, è comparso all’improvviso questo scatto.
Papà mi osserva sorridendo, con i suoi 19 anni, una capigliatura ribelle e per quei tempi esagerata.
Mi guarda spensierato, ignaro delle difficoltà della vita, della guerra che presto dovrà affrontare.
Ignaro anche di questo figlio che inseguirà caparbiamente le sue tracce e i suoi ricordi.
Mi sono soffermato a lungo, quasi sfiorando la sua presenza.
Un toccante appuntamento in questa giornata uggiosa.
Sei ancora nel mio cuore papà.

Precedente La strage dell'Ospedale Psichiatrico di Vercelli. Successivo La targa "fascista" dei caduti del Vernato.