La targa “fascista” dei caduti del Vernato.

Domenica 16 maggio 1937.
Benedizione della rinnovata lapide dei caduti del Vernato sulla facciata della chiesa di San Biagio.
Presenziano il cappellano Don Arduino ed il segretario Becchio Galoppo.
Viene inserito il soldato Cerrano Evasio appena caduto in Africa Orientale.
Mi sfugge il motivo della rimozione della lapide, attualmente sostituita da un’anonima stele posizionata sul lato destro della chiesa.
Forse i due fasci, l’elmetto stilizzato o più probabilmente la dicitura “AI PRODI CADUTI VERNATESI” hanno cagionato nel tempo la sua rimozione.

Precedente Oggi papà mi è venuto a trovare. Successivo I brigatisti neri fucilati a Varallo.