IL VOLTO DI LUIGI CIUSANO, UNO DEI TRUCIDATI DEL CANALE CAVOUR

IN QUELLE ALBE CALIGINOSE, A DECINE LI PORTAVANO IN QUEL PUNTO NEI PRESSI DI GREGGIO DOVE LA SESIA SI INCONTRA COL CANALE CAVOUR, CORPI PIAGATI DALLE FERITE, GLI OCCHI FOLLI DI TERRORE E CON UN COLPO ALLA TESTA LI UCCIDEVANO E LI GETTAVANO NELLE ACQUE TORBIDE.
(Carlo Mazzantini, I balilla andarono a Salò)
Un altro dei trucidati del Canale Cavour riconosciuto.
Si tratta di Luigi Ciusano, il volto parzialmente coperto dal cappello del partigiano “prelevatore” in primo piano.
Il viso è già tumefatto dalle percosse, ma niente sarà a confronto del martirio che poco dopo dovrà subire prima della morte.
Anche di lui parlerò diffusamente nel mio libro.
Precedente ANCORA SULLA MORTE DI PIERO PAJETTA "NEDO" Successivo UNA TESTIMONIANZA RELATIVA ALL'ECCIDIO DI MOTTALCIATA

Lascia un commento