IL PARTIGIANO E L’IMBOSCATA.

Il 20 agosto 1944, alle ore 10, in Cossato, due banditi armati penetravano nell’abitazione della famiglia PORRINO al fine di prelevare i fratelli Bruno e Dante PORRINO, che reagivano a colpi di arma da fuoco.
Un bandito rimaneva ucciso; l’altro riusciva a darsi alla fuga.
(Notiziario GNR del 2 settembre 1944)
Nella scheda dell’Istituto della resistenza si legge :
“Causa della morte IMBOSCATA”
Si ……….. ma l’imboscata l’aveva tentata lui!

Precedente Villa Schneider, l'omissione di un argomento indecoroso. Successivo Le vittime dei partigiani inumate tra i monti.