IL MAZZO DI FIORI NEL BOSCO

Ieri, in una frazione del biellese orientale, mi è stato indicato il luogo dove era stato trucidato uno dei tanti civili che avevano l’unica colpa di essere considerati “fascisti”.

Non una lapide, non una semplice scritta a ricordo di quell’uomo…….

ma da 75 lunghi anni la figlia non fa mancare vari mazzi di fiori sul luogo dove le è stato ucciso il papà.

Ho trovato l’immagine rara e molto commovente.

Precedente LA ROTONDA DI SABBIA Successivo OTZI