Il gagliardetto degli Alpini di Chiavazza.

Per farvi capire l’importanza di un Archivio Fotografico e la sua essenzialità nell’analisi degli eventi storici, pubblico alcuni inediti scatti del rullino relativo all’inaugurazione del Gagliardetto degli Alpini della sezione di Chiavazza.
Siamo al 2 giugno 1935 e il Segretario del Fascio di Biella Walter Bragagnolo, ex ardito del Battaglione “Exille”, presenzia alla cerimonia accompagnato dal Segretario della Sezione dell’ANA Felice Becchio Galoppo.
Gli alpini dell’intero circondario partecipano all’evento con una selva di gagliardetti sezionali.
La giovane madrina Elda Lanza, figlia di un alpino caduto in combattimento, è accompagnata da Eusebio Regis, pure lui orfano di un caduto.
Entrambi sfoggiano orgogliosamente le medaglie del defunto genitore, con un’espressione di composta e partecipata fierezza.
Alle loro spalle il Cappellano Don Arduino che benedirà materialmente il labaro, ancora avvolto nel velo.

Precedente Il medico della "Colonna Morsero". Successivo Ancora sui fucilati di Mosso Santa Maria.