Ancora sui fucilati di Mosso Santa Maria.

Ogni anno si svolgono le celebrazioni a ricordo di 7 partigiani fucilati nel febbraio 1944 presso il cimitero di Mosso Santa Maria.
Vengono portati i bambini delle scuole, intervengono le autorità, l’ANPI, si tengono discorsi e cerimonie…….
Si dimentica però che nello stesso luogo, 4 giorni prima erano stati fucilati da quegli stessi partigiani 12 civili prelevati nottetempo in quel di Cossato e di Lessona perché sospettati di semplici simpatie fasciste.
Poiché malauguratamente una macchina con a bordo i 3 maggiori responsabili della formazione partigiana venne intercettata dai tedeschi e vennero uccisi gli occupanti, i partigiani decisero di passare per le armi senza processo gli ostaggi prelevati, fra cui ben cinque povere donne.
Ecco la denuncia ai carabinieri del figlio di una coppia di anziani sequestrati.
Leggendo il racconto sembra di rivivere la desolante impotenza delle vittime e le sue parole ci commuovono tuttora.

Precedente Il gagliardetto degli Alpini di Chiavazza. Successivo In morte di un partigiano.